Manos Amigas Guatemala

Vulcano di fuoco

Era il 3 giugno quando il vulcano Fuoco del Guatemala ruggì. I risultati furono colonne di cenere e flussi piroclastici che causarono la morte di decine di persone e il trasferimento di migliaia di persone, con oltre un milione di persone colpite. Un mese dopo, questo è ciò che sappiamo:

Secondo l’ultimo rapporto del coordinatore nazionale per la riduzione dei disastri (CONRED) il bilancio delle vittime è di 116 morti, le persone scomparse risultano essere 197 mentre il numero di feriti è sceso a 28.

Le persone colpite dall’eruzione del vulcano Fuoco sono state 1.714.387. Inoltre, sono state effettuate 12.823 evacuazioni e assistite 8.534 persone.

Ci sono ancora 16 rifugi che ospitano un totale di 3.643 persone che non possono tornare nelle loro case. Di questi 16, una dozzina si trovano a Escuintla, nel sud-ovest del paese. Gli altri quattro rifugi si trovano a Sacatepéquez, a nord di Escuintla.

La strategia di recupero elaborata dal governo dopo l’eruzione del Vulcano di Fuoco passa attraverso la creazione di rifugi temporanei per le famiglie. Successivamente, l’esecutivo ha promesso di costruire circa 1.000 case con servizi di base per ogni famiglia.

Le esplosioni del vulcano non sono scomparse. CONRED ha informato che il vulcano viene monitorato costantemente, mentre continua a generare degassamento e colonne di cenere che raggiungono 4.300 metri sul livello del mare.

Fonte CONRED

alehache